© 2016 Vista Vision - Cliniche di eccellenza oculistica

PIVA  04010210963

Milano Verona Pisa Bari Messina 

Please reload

Recent Posts

Operazione cataratta: riscopri una seconda giovinezza

January 12, 2020

1/10
Please reload

Featured Posts

Una diagnosi precoce dell’occhio permette di scoprire i primi segni dell’Alzheimer

July 9, 2019

 

 

 

 

 

 

Da una sperimentazione su 63 individui a rischio di Alzheimer con una storia di familiarità alle spalle, condotta dal gruppo di ricerca coordinato dal Duke Eye Center della Duke University è emersa la possibilità di scovare l’Alzheimer prima ancora che compaiano i primi sintomi della demenza, ossia 10-15 anni prima.

I risultati dell’indagine sono stati presentati presentata al Meeting Annuale della Association for Research in Vision and Ophthalmology (ARVO) a Seattle.

 

L’obiettivo dello studio era di osservare l'eventuale presenza di 'corpi anomali' nella retina attraverso due esami retinici oggi in uso clinico di routine, usati per diagnosticare le maculopatie: l'OCT - Tomografia Ottica Computerizzata - e l'autofluorescenza laser blu.

 

Quello che è emerso è che la presenza di questi corpi anomali nella retina è tanto maggiore quanto maggiore è la presenza di proteina amiloide nel loro cervello, che è considerata un segnale precoce di Alzheimer. Esaminando la retina dei pazienti coinvolti nello studio sono state visualizzate queste inclusioni anomale che i ricercatori ipotizzano siano accumuli di peptide amiloide. Il loro stato di salute sarà seguito nel tempo per vedere se effettivamente si ammaleranno di Alzheimer.

 

Attualmente non esiste una tecnica per la diagnosi preclinica dell'Alzheimer; l'unica chance è la "PET-amiloide", un esame di imaging del cervello molto costoso e riservato a pochi soggetti ad alto rischio (come nel caso di familiarità).

 

L’Alzheimer è una malattia neurodegenerativa progressiva, che colpisce oltre un milione di italiani, per la quale attualmente non ci sono cure risolutive ma solo trattamenti per rallentare la progressione della patologia. La possibilità di usare nella diagnosi preclinica dell'Alzheimer un esame dell'occhio poco costoso, facile da praticare e già in uso clinico di routine per le malattie retiniche rappresenta quindi una prospettiva diagnostica davvero promettente.

Please reload

Follow Us