La tecnica tradizionale nell’ambito della chirurgia refrattiva si chiama PRK. Con una procedura semplice e rapida l’oculista interviene sull’area corneale, eliminando il difetto visivo.

COME FUNZIONA LA PRK?

“PRK” sta per “PhotoRefractive Keratectomy”. La cheratectomia fotorefrattiva è una tecnica chirurgica che prevede il rimodellamento della superficie corneale. La procedura comincia con l’asportazione del tessuto epiteliale della cornea, i cui strati più interni vengono successivamente rimodellati attraverso il laser ad eccimeri. La cheratectomia fotorefrattiva laser PRK è indicata per correggere i difetti ottici di miopia, ipermetropia e astigmatismo di entità lieve e media, raramente alta.

La procedura in sala laser prevede i seguenti passaggi:

  1. Una soluzione di alcol diluito viene applicato sull’occhio per dissolvere l’epitelio corneale (strato più esterno della cornea)
  2. L’epitelio viene rimosso manualmente dal medico oculista
  3. In pochi secondi il laser ad eccimeri modifica la struttura corneale per correggere il difetto visivo
  4. Viene posizionata sull’occhio una lente protettiva per proteggere la corretta ri-formazione dell’epitelio corneale.

PERCHÉ LA PRK?

  • Si tratta di una procedura semplice e rapida
  • Permette di conservare la capacità dell’occhio di mettere a fuoco oggetti posti a diverse distanze
  • Il risultato è la correzione definitiva del difetto visivo
  • Assenza di bendaggi
  • Il percorso post-operatorio, nonostante sia più lungo rispetto alle altre due tecniche laser (FemtoLasik e PRK) è soggettivo: il paziente, mediamente, è in grado di vedere già in modo soddisfacente a partire dal quinto giorno dopo l’intervento.
  • Può correggere miopia (lieve e media), astigmatismo e ipermetropia
  • Costi accessibili
  • È una tecnica altamente collaudata: l’elevatissimo numero di interventi svolti rende la PRK estramamente sicura

LASEK

La LASEK è una variante della PRK. In questo caso l’epitelio corneale asportato non viene eliminato ma viene riposizionato in sede. I risultati ed il decorso clinico non differiscono molto da quello della PRK ed il chirurgo decide di volta in volta la tecnica migliore da utilizzare.

E TU PUOI SCEGLIERE LA PRK ?

È importante eseguire una visita oculistica pre-laser completa di tutti gli esami diagnostici specifici per scoprire l’effettiva idoneità a questa tipologia di intervento. Le risposte a queste domande vengono fornite dalla visita pre-laser (scopri qui come funziona).

Prenota ora la tua visita oculistica

Questo modulo di contatto è disattivato perché l’utente ha rifiutato di accettare il servizio Google reCaptcha, necessario per convalidare i messaggi inviati dal modulo.
×