© 2016 Vista Vision - Cliniche di eccellenza oculistica

PIVA  04010210963

Milano Verona Pisa Bari Messina 

Cheratocono

La malattia degenerativa della cornea-cheratocono e la terapia mini invasiva del cross linking corneale (CXL)

Che cosa è il cheratocono

Il cheratocono è una patologia oculare, una malattia degenerativa non infiammatoria che colpisce la porzione centrale della cornea che si assottiglia progressivamente e si curva in modo accentuato e anomalo verso l'esterno.

Questa malattia oculare per cui il fattore genetico ha probabilmente un suo peso si manifesta in genere in età adolescenziale e con frequenza maggiore nel sesso femminile ma tende ad arrestarsi spontaneamente attorno ai 40 anni.

Di solito colpisce entrambi gli occhi, anche se non in contemporanea, provocando disturbi visivi progressivi come la perdità di acuità visiva in tutte le direzioni , aumento della miopia e dell’astigmatismo da cheratocono, visione notturna ridotta ed invalidanti come il rischio di perdere la vista e l’integrità del bulbo oculare.

Talvolta il cheratocono può progredire più rapidamente, provocando la comparsa di edema e cicatrici corneali. Le anomalie o lesioni della cornea associate al cheratocono possono influenzare in modo significativo la capacità di eseguire compiti semplici, come guidare, guardare la televisione o leggere un libro.

I sintomi del cheratocono possono comprendere:

· Visione distorta;

· Aumento della sensibilità alla luce (fotofobia);

· Irritazione oculare lieve;

· Offuscamento della vista

· Doppia visione con un occhio chiuso (poliopia monoculare).
 

Importanza della prevenzione e diagnosi del cheratocono

Per diagnosticare il cheratocono in fase molto iniziale è fondamentale effettuare una visita oculistica nei bambini nelle tappe dei 3, 6,12 anni e non appena si avverta una visione disturbata o diversa dal solito.

La diagnosi più moderna si avvale di topografi corneali a scansione, che forniscono lo spessore corneale in ogni punto permettendo di seguire l’evoluzione della cornea e monitorarla nel tempo.

Le cliniche Vista Vision per la diagnosi del cheratocono si avvalgono del nuovo laser OCT SLO OTI per l’esame specialistico che analizza precocemente forme di ectasia corneale e di cheratocono scarsamente evoluto, della cheratometria, della conta endoteliale , della pachimetria e della topografia corneale.

Cura e trattamento del cheratocono corneale con la terapia del cross linking corneale (CXL)

La riabilitazione visiva nel cheratocono si ottiene difficilmente con l'uso di occhiali, più facilmente con l'uso di lenti correttive (lenti corneali a contatto per cheratocono ) costruite su  misura per il singolo paziente sulla base della topografia corneale che riescono a correggere l'astigmatismo e migliorare la capacità visiva.

Le cliniche Vista Vision si avvalgono della terapia parachirurgica non invasiva di ultima generazione del Cross linking corneale per arrestare ed in alcuni casi bloccare l’evoluzione del cheratocono causa di oltre 2500 trapianti di cornea all’anno.

 

Il Cross linking è una metodica che tende ad incrementare la resistenza del tessuto corneale evitando il progressivo continuo sfiancarsi della cornea ed il concomitante deterioramento visivo percepito dal paziente.

 

Si tratta di un intervento da eseguirsi in condizioni controllate di sterilità, effettuato in anestesia locale, della durata di circa 1 ora.

Dopo un'iniziale disepitelizzazione corneale viene installata sulla superficie della cornea una soluzione a base di destrano e riboflavina (Vitamina B2).

Successivamente un laser a raggi ultravioletti (raggi UV-A) attiva questa soluzione che impacchetta le fibre corneali consolidando i vari strati lamellari che compongono la superficie della cornea.

Il decorso postoperatorio comprende controlli giornalieri fino a riepitelizzazione avvenuta.

Per il primo mese dopo il trattamento il paziente deve utilizzare alcuni accorgimenti quali evitare saune, piscine, bagni turchi e luoghi ventosi, nonché evitare per i primi mesi l'esposizione diretta alla luce solare, in mancanza di adeguati occhiali da sole. 

 

Non tutti però possono essere sottoposti a questa metodica: è necessario infatti eseguire una visita oculistica completa di esami diagnostici per valutare l’idoneità alla terapia del cross linking.

Nei casi in cui il cheratocono sia talmente avanzato da provocare un' importante riduzione visiva non recuperabile con correzione refrattiva, si rendera’ necessario il trapianto di cornea .

Chiedi un consulto o prenota la tua visita.

Siamo qui per assisterti.