© 2016 Vista Vision - Cliniche di eccellenza oculistica

PIVA  04010210963

Milano Verona Pisa Bari Messina 

Please reload

Recent Posts

Le lenti a contatto un pericolo insidioso per l’ambiente

February 11, 2020

1/10
Please reload

Featured Posts

La sindrome da occhio secco: gli over 50 sempre più a rischio

November 7, 2017

 

Un disturbo troppo sottovalutato e non curato che colpisce tuttavia milioni di italiani sopra i 50 anni. La sindrome dell’occhio secco è un’alterazione dell’equilibrio che regola la secrezione e la distribuzione del film lacrimale che può essere il risultato di una scarsa produzione di fluido da parte delle ghiandole lacrimali, di una eccessiva evaporazione dell’acqua dalla superficie oculare o di una cattiva distribuzione del fluido sulla superficie.

 

Le persone che soffrono di occhio secco possono presentare una serie di sintomi, tra cui occhi arrossati, sensazione di un corpo estraneo nell’occhio e bruciore, seguiti da annebbiamento visivo, fastidio a sopportare la luce (fotofobia) e prurito. Vari fattori possono esporre maggiormente al rischio di insorgenza della sindrome dell’occhio secco: abitudini e stili di vita, predisposizione e altre patologie sono tutte potenziali cause scatenanti o aggravanti. In particolare l’uso prolungato di computer, tablet, e-reader e smartphone si sta affermando come uno dei principali fattori che contribuiscono alla comparsa di questo disturbo.

 

Altre cause che possono contribuire significativamente all’insorgenza della patologia sono:  fattori ormonali, (peri-post menopausa), l'età avanzata, disturbi dermatologici o malattie reumatiche, l’uso di alcuni farmaci (psicotropi, estrogeni, antistaminici e betabloccanti locali), la carenza di vitamina A, agenti atmosferici e inquinamento, alcune malattie autoimmuni e l'abuso di lenti a contatto.

L’impatto sulla qualità di vita di una persona può essere variabile, ma incisivo  rendendo faticoso concentrarsi sul lavoro giornalmente, utilizzare il computer, guidare l’auto di notte, fino a rendere impossibile la vita di relazione per il costante fastidio o dolore a mantenere gli occhi aperti.

 

L’occhio secco è un disturbo decisamente sottovalutato, poco diagnosticato, e spesso curato in maniera approssimativa. La diagnosi preventiva è una delle sfide principali poiché molti pazienti vivono con i sintomi dell'occhio secco perché non prestano attenzione ai suoi i sintomi supponendo che siano la conseguenza spesso di un affaticamento. Ma non lo è. La diagnosi preventiva, effettuata da un medico oculista competente consente di determinare una strategia personalizzata volta a migliorare notevolmente la qualità della vita e le prestazioni sul lavoro.

 

In alcuni casi se non trattato, l'occhio secco può causare danni permanenti e perdita della vista. L'essiccazione cronica, o l'estrema secchezza della superficie dell'occhio può causare cicatrici e persino ulcerazioni infettive. In altri casi dietro i sintomi di un occhio secco può annidarsi la sindrome di Sjogren, malattia autoimmune che provoca disfunzioni delle ghiandole lacrimali e salivari, con il rischio di coinvolgimento di organi vitali come cute, reni e polmoni.

 

Le opzioni di trattamento per gli occhi secchi sono migliorate sensibilmente negli ultimi anni. Accanto alle lacrime artificiali che sono uno standard per il trattamento, esistono nuove gocce che trattano la causa infiammatoria della malattia. L’introduzione di nuove tecnologie  come la  luce pulsata IRPL® che utilizza gli impulsi luminosi per ridurre l’infiammazione ha aggiunto un'altra opportunità per curare la malattia.

La chiave del successo è identificare la malattia in anticipo. Una visita accurata in fase iniziale condotta da un medico oculista competente che disponga di strumenti diagnostici d’avanguardia è essenziale per la gestione della malattia e per il suo trattamento.

 

Dai più ascolto ai tuoi occhi e ricorda che a volte una visione annebbiata potrebbe non significare che hai solo bisogno di cambiare occhiali!